Area riservata
Email Password
Non sei ancora registrato?  Registrati
hai dimenticato la password? clicca qui Accedi
Errore
Per favore compila i campi login e password. Nome utente o password non validi.

Per favore prova ancora.
OK
chiudi
premio ika 2013
 
scopri app
Scopri l’App
Il modo più semplice per scoprire la
Valsugana a portata di Smartphone
Forte Busa Verle
Forte Busa Verle  
Prenota La Tua Vacanza
Aree e località
TutteLaghi - TermeCalceranica al LagoCaldonazzoLevico TermeNovaledoPergine ValsuganaRoncegno TermeTennaVetriolo TermeVignola FalesinaLagorai – Bassa ValsuganaBienoBorgo ValsuganaCarzanoCastelnuovoGrignoIvano FracenaOspedalettoRonchi ValsuganaSamoneScurelleSperaStrignoTelveTelve di SopraTorcegnoVilla AgnedoValle del TesinoCastello TesinoCinte TesinoPasso BroconPieve Tesino
Arrivo
Notti
1234567891011121314151617181920212223242526272829303132333435363738394041424344454647484950
Partenza il 
Tipo alloggio
Adulti
Bambini
12345678910111213141516171819
01234
Cerca
Prenota La Tua Vacanza
 

Forte di Tenna

Mappa
Scegli Forti (Grande Guerra) Forte BelvedereForte Busa GrandaForte Busa VerleForte Colle delle BenneForte del PizzoForte di TennaForte Leone Cima CampoLa RocchettaTrincerone di Grigno
Forte di Tenna

 

Sorge sulla collina di Tenna che divide il Lago di Levico da quello di Caldonazzo.

Fu costruito tra il 1880 e il 1882 e con il forte gemello di Colle delle Benne, a nord-est, costituiva  -secondo il consolidato schema militare austriaco- la chiusura a tenaglia della Valsugana e riusciva a coprire anche la piana verso Caldonazzo.

Dal Forte di Tenna si controllava pure l’accesso alla strada di Monterovere, che portava alle fortificazioni situate a Lavarone e sull’Altipiano di Vezzena. Serviva inoltre da collegamento fra il Forte del Pizzo ed il Comando Supremo di Trento. Fu dimesso dal Demanio Militare Italiano nel 1931.

E’ un ‘opera a pianta quadrangolare, realizzata con pietre metamorfiche estratte in una cava in località Valle dell’Orco sulla collina di Tenna: da qui furono trasportate con barconi lungo le sponde del Lago di Levico e trasferite con una funicolare sul posto. Il manufatto era articolato su due piani: al piano terra le cucine ed al piano rialzato le camerate.
Sopra i due piani, una terrazza di 400 mq veniva utilizzata per la raccolta dell’acqua piovana e con la sua pavimentazione preservava dall’umidità i locali sottostanti.

Le finestre di grandi dimensioni assicuravano una buona ventilazione, necessaria durante gli spari delle artiglierie e per difendersi dai nemici vennero costruiti 5 costoloni.  La facciata nord, unica nel suo genere, presentava infatti 5 semicolonne di forma ellittica aventi un’altezza di 7 metri e larghezza di 1,60, queste fungevano inoltre da contrafforti per scaricare il peso della struttura sul terreno.

La fortezza, grazie ai contributi provinciali  è stata sottoposta a restauro a partire dal 2009.
E’ stata inaugurata il 18 agosto 2012; mentre sono ancora in via di definizione gli accordi per la gestione e l’apertura del forte al pubblico.


Come raggiungerlo:  si raggiunge a piedi in 10-15 minuti partendo da piazza San Rocco a Tenna e percorrendo via Roma e via San Valentino. 


Per approfondire:
Leonardo Malatesta, Lo sbarramento austriaco della Valsugana : dai forti dell'800 allo Sperre Grigno, Salò (BS), Museo storico del Nastro Azzurro, 2012
G. P. Sciocchetti, Le fortificazioni austriache dell’Alta Valsugana – Lo sabbaramentoi di Tenna, in Tenna cenni storici, A.V. , Ed. Associazione “Amici della Storia”,  Pergine, 1993, pp. 375-416.
“Forte unito a miniere e Sicconi” in L’Adige, 28 marzo 2012, p. 39
 
Eventi
Casse ruraliMontura

Main Sponsor

Casse rurali montura Sant'Orsola

Sponsor

Levico acque Adacta Birra lagorai LagorAir Levico Frutta Casearia Monti Trentino Valsugana Sapori

Media Partner

Trentino Mese

partner