menù
logo bianco
 
trentino
Caminetto - Rifugio Carlettini
Lasciatevi alle spalle la Valsugana e salite in Val Campelle, per inoltrarvi nel cuore del Lagorai, dove il Trentino assume il suo carattere più selvaggio. Qui - lungo la strada che risale la valle, poco prima dei pascoli di Conseria - c’è il rifugio Carlettini, completamente ristrutturato nel 2010 con criteri di eco-sostenibilità. Lungo le strade che cent’anni fa vennero utilizzate dai soldati ora salgono gli appassionati di mountain bike, ma anche gli escursionisti a piedi e a cavallo. I rumori del fondo valle qui non arrivano, la colonna sonora è invece l’acqua che scende a valle, proveniente dai numerosi laghi d’alta quota che tingono d’azzurro questi versanti del Lagorai.

Apertura
Aperto tutto l’anno
Chiuso a Natale e novembre
Prima dell'escursione si consiglia di verificare l’effettiva apertura del rifugio contattando il gestore

Itinerari
Proseguendo lungo la strada della val Campelle oltre il ponte Consèria si raggiunge il rifugio Malga Consèria (1 ora) e quindi il passo Cinque Croci (altri 40 minuti dal rifugio). Con un sentiero che parte a valle del rifugio si raggiunge invece il rifugio Caldenave (1 ora e 35, E). In circa 2 ore si giunge al laghetto di Montalon (E) passando da malga Montalon. Attraverso Forcella di Montalon è possibile scendere al lago delle Stellune.