Area riservata
Email Password
Non sei ancora registrato?  Registrati
hai dimenticato la password? clicca qui Accedi
Errore
Per favore compila i campi login e password. Nome utente o password non validi.

Per favore prova ancora.
OK
chiudi
premio ika 2013
 
scopri app
Scopri l’App
Il modo più semplice per scoprire la
Valsugana a portata di Smartphone
 
Prenota La Tua Vacanza
Aree e località
TutteLaghi - TermeCalceranica al LagoCaldonazzoLevico TermeNovaledoPergine ValsuganaRoncegno TermeTennaVetriolo TermeVignola FalesinaLagorai – Bassa ValsuganaBienoBorgo ValsuganaCarzanoCastelnuovoGrignoIvano FracenaOspedalettoRonchi ValsuganaSamoneScurelleSperaStrignoTelveTelve di SopraTorcegnoVilla AgnedoValle del TesinoCastello TesinoCinte TesinoPasso BroconPieve Tesino
Arrivo
Notti
1234567891011121314151617181920212223242526272829303132333435363738394041424344454647484950
Partenza il 
Tipo alloggio
Adulti
Bambini
12345678910111213141516171819
01234
Cerca
Prenota La Tua Vacanza
 

Pergine Valsugana

Mappa
Scegli Pergine Valsugana BienoBorgo ValsuganaCalceranica al LagoCaldonazzoCarzanoCastello TesinoCastelnuovoCinte TesinoGrignoIvano FracenaLevico TermeNovaledoOspedalettoPasso BroconPergine ValsuganaPieve TesinoRoncegno TermeRonchi ValsuganaSamoneScurelleSperaStrignoTelveTelve di SopraTennaTorcegnoVetriolo TermeVignola FalesinaVilla Agnedo
Attiva borgata a pochi chilometri da Trento, Pergine Valsugana si bagna nelle azzurre acque del lago di Caldonazzo ed è dominata dal colle del Castello. Propone la vacanza estiva sulle spiagge attrezzate di San Cristoforo, verdi o sabbiose, dove lo sport è di casa.

In centro storico è suggestivo il percorso alla ricerca dell'arte, tra le case di via Maier in stile rinascimentale, tra palazzine patrizie e chiese antiche. Alle spalle l'antico e possente castello sul dosso, palazzo gotico d
el '400.

Cosa vedere: il Castello di Pergine, il centro storico con Via Maier, il Parco ai 3 Castagni, la Chiesetta di San Cristoforo, Museo della Scuola, Museo degli attrezzi agricoli, Museo della Banda Sociale di Pergine, Museo della Centrale Idroelettrica di Serso. 


Benvenuti a Pergine




Curiosità: La leggenda della Dama Bianca
Tante sono le leggende che caratterizzano la Valsugana: questo territorio è infatti ricco di storia e tradizioni. Sicuramente la leggenda più conosciuta è quella della “Dama Bianca”, che abiterebbe il castello di Pergine Valsugana. Questa leggenda secolare racconta di una bellissima donna, che da centinaia di anni vivrebbe intrappolata nelle mura antiche del castello di Pergine. Essa è diventata ormai una figura proverbiale per gli abitanti della cittadina valsuganotta.

Si narra, che nel periodo medievale il villaggio di Pergine fosse sotto il dominio di un Capitano tirannico e violento, che portò alla miseria il piccolo borgo valsuganotto. Era infatti insaziabile la sua fame di pote
re.
Questo temuto Capitano aveva come moglie una bellissima donna dai capelli dorati, legati in una lunga treccia, con una pelle bianca come un’orchidea appena colta, occhi profondi da cu
i trasparivano la sua bellezza ed umanità.
Il Capitano era solito trattare tutti quelli che lo circondavano in maniera rude e persino violenta. Anche la sua dolce e bella moglie non sfuggiva a questi frequenti trattamenti brutali. Il Capitano le impediva di fare qualsiasi cosa, anche una semplice passeggiata al di fuori delle mura del castello. Solo una volta al mese le permetteva di fare un giro, insieme alla sua dama di compagnia e con gli armigeri, nel cortile del castello, prigioniera di quelle mura che aveva imparato ad odiare.
La signora del castello diventava sempre più malinconica e solitaria, fatta eccezione per la compagnia sempre presente della sua dama di corte. Originaria di un paesino del Veneto, la moglie del Capitano era però uno spirito libero: amava dipingere e stare all'aria aperta in contatto con la natura, ma tutto questo le veniva impedito da quel malvagio consorte.
I soprusi che subiva in continuazione da suo marito erano tali che la riempivano di un nero desiderio di morte. Provava l’inconfessabile anelito a liberarsi di quella vita negata.

Decise dunque di compiere il gesto estremo. Una sera di luna piena, mentre il marito era a c
ospetto dei signori di Padova, aiutata dalla sua damigella, si preparò per quel terribile passo, che per lei rappresentava l’unica scelta di libertà. La dama vestiva un vestito di seta bianca, che riluceva della luce lunare. Si sciolse la treccia lunga, con un gesto pieno di audacia. Si affaccio alla finestra della sala da pranzo e si lanciò nel vuoto.
Sono passati tanti anni dal fatidico gesto di disperazione di una donna che voleva solo la libertà.

Ancora oggi, nelle notti di luna piena, alle finestre e nei saloni del castello di Pergine si può scorgere l’ombra fugace di una bellissima donna, vestita di bianco con dei lunghi capelli sciolti. Una voce bellissima e spezzata dal pianto canta una canzone dolcissima, che inneggia con malinconia alla libertà.
Questa storia è viva e presente nei cuori dei perginesi: c’è chi dice che è solo una leggenda, un racconto per impressionare i bambini. Altri invece credono fermamente nella Dama Bianca e nel suo disperato amore per la libertà: sono gli stessi che affermano di aver visto brillare il bianco delle sue vesti e di aver sentito il flebile suono del suo canto.


La leggenda della Dama Bianca a Pergine
Casse ruraliMontura

Main Sponsor

Casse rurali montura Sant'Orsola

Sponsor

Levico acque Birra lagorai LagorAir Levico Frutta Casearia Monti Trentino Valsugana Sapori

Media Partner

Trentino Mese

partner